Apollo 6 a braccetto con Ecate

Apollo 6

Apollo 6 è stata l’ultima missione Nasa completamente automatizzata in vista della discesa sulla Luna, considerata da taluni la più grande impresa e avventura dell’Umanità.
Infatti, a partire dall’Apollo 7, con tutti gli annessi e connessi che comportò

Ammutinamento nello spazio: Apollo 7

gli astronauti tornarono a bordo dopo la tragica fine dell’Apollo 1.

Apollo 1 la tragedia sulla via verso la Luna

Apollo 6 fu la seconda missione, dopo Apollo 4

Apollo 4 da Diana alla Luna

a utilizzare Saturn V, mentre Apollo 5

Apollo 5 verso la Luna con Selene

aveva utilizzato Saturn IB.

Apollo 6, che lasciò la rampa di lancio in data 4 aprile 1968, fu considerato il test finale e definitivo per abilitare Saturn V ad accompagnare il volo successivo con equipaggio a bordo (il sopra citato Apollo 7).
Nonostante una serie di problemi e inconvenienti quali il fallito test del modulo di rientro posto in estreme condizioni, per simulare le situazioni estreme che sarebbero state incontrate al ritorno dalla Luna (obiettivo fallito causa malfunzionamento di un propulsore), o il mancato inserimento del Modulo di Comando e Servizio (CSM) e in un modulo lunare (LEM) in una traiettoria translunare (per lo spegnimento tardivo di un motore), la missione (che ebbe una durata di circa 10 ore) provò la capacità del Saturn V di soddisfare tutti i requisiti necessari per far arrivare sulla Luna l’uomo.

Per maggiori info sulla missione Apollo 6 on Wikipedia

https://it.wikipedia.org/wiki/Apollo_6

For english version 

https://en.wikipedia.org/wiki/Apollo_6

Ecate e la Luna Calante

Fasi Lunari il video

La triste Ecate era la Luna Nuova collegata al mistero della Luna scura.
Si trattava di una Divinità greca, in origine forse identificata con Artemide, visto che la sua azione e i suoi influssi si esercitavano negli stessi ambiti nei quali operava quali guerra, arte del cavalcare, pastorizia, pesca, commercio, industria, nozze, parto ed educazione dei fanciulli.
Incerto il suo albero genealogico: secondo taluni era Asteria (sorella di Latona) e del titano Perseo; per altri era invece la madre era Demetra, che era conosciuta anche come genitrice della sopra citata Artemide (trasfusa poi ne mondo romano in Diana).
L’accostamento con Demetra spiega inoltre la sua connessione con il mondo dell’Oltretomba: infatti, dal suo aspetto di dea delle strade e dei crocicchi, derivava l’altro suo aspetto di signora delle ombre e dei fantasmi, che svolgeva la sua personalità nelle piazze e nei trivî, rischiarati, di notte, dall’incerto lume della Luna Calante avviata verso il novilunio.
Questa dimensione dark faceva di lei la dea degli spettri, delle streghe e delle maliarde, che vagavano di notte, in particolare in quelle illuni, per operare incantesimi e scongiuri.
Anche nell’arte Ecate ha una figura triforme, o tricipite, che ben si addiceva alle tre diverse fasi della luna (crescente, piena, calante-nuova), oppure alla triplice sfera di attività della dea (celeste, terrena, ctonia, ovvero sotterranea).

Fonte

http://www.treccani.it/enciclopedia/ecate_%28Enciclopedia-Italiana%29/

Photo by Wikipedia

Altri spunti e curiosità @

Calendario della Luna Verde

#Apollo6: The second Saturn 5 rocket launch, April 4, 1968

Precedente Apollo 5 verso la Luna con Selene Successivo Luci in cielo: Ufo and Ifo (parte I)