Autunno equinozio il 22 settembre

autunnoEquinozio Autunno oggi 22 settembre

Equinozio d’autunno alle ore 15:31; finisce così un’estate travagliata contrassegnata dall’emergenza Covid19 e/o Corona Virus che passa il testimone alla stagione delle foglie che cadono.

Ma l’autunno non inizia il 21 settembre? Necessaria, per rispondere, una premessa: la Terra non compie la sua orbita intorno al Sole in 365 giorni esatti (bensì 365 giorni e 6 ore); questo è il motivo per il quale ogni 4 anni febbraio ha 29 giorni e di conseguenza l’anno sarà di 366 giorni (quindi bisestile o bisesto come il 2020).
Ma il 29 febbraio che cosa c’entra con il nostro equinozio?

La presenza dell’anno bisestile comporta uno slittamento degli equinozi (autunno e primavera) e dei solstizi (inverno ed estate), fino al recupero di quella giornata proprio nell’anno bisestile. Quindi, visto che l’anno 2020 sarà appunto bisesto, il prossimo equinozio d’autunno arriverà sempre il 22 settembre 2021 alle ore 21,21.
Attenzione però: visto che la terra non è piatta

oggi inizia l’autunno per l’emisfero boreale (settentrionale), mentre nell’emisfero australe (meridionale – agli Antipodi) prenderà il via la primavera. Qui da noi inizia il viaggio verso l’inverno, mentre down under il tour verso l’estate.

Ma approfondiamo il discorso, sopra appena accennato, dal punto di vista astronomico: la proiezione dell’asse di rotazione, passante per i poli terrestri, sulla sfera celeste indica il Nord ed il Sud celesti, con l’equatore celeste (la proiezione dell’equatore terrestre in cielo) a metà strada. L’eclittica (inclinata di 23° 26’ rispetto al nostro equatore) segnala il piano orbitale del Sole e della Terra. Equatore ed eclittica si intersecano nel punto equinoziale di Marzo (0°in  Ariete, il punto di partenza per le misure celesti)e al punto opposto nella Sfera (l’equinozio di settembre).

Visto che la Terra ruota inclinata rispetto al piano della sua orbita, di conseguenza, l’equatore celeste  è inclinato rispetto all’eclittica  dei 23° gradi e mezzo circa di cui sopra; indi, per metà dell’anno il Sole si trova a nord dell’equatore, per l’altra metà a sud, e ciò fa mutare la lunghezza del giorno e della notte, nonché nelle stagioni.

Eclittica ed equatore si intersecano in due punti distanti 180°, chiamati equinozi. Quando il Sole si trova in uno di questi punti, giorno e notte sono di uguale lunghezza in tutto il pianeta.

Dopo l’equinozio di marzo, nell’emisfero boreale, il Sole si sposta a nord dell’equatore fin quando raggiunge una massima declinazione di 23°26’ al solstizio (dal latino Sole fermo, ovvero quando il Sole si trova alla sua più alta e bassa posizione in cielo nel corso dell’anno) intorno al 22 giugno; poi scende verso l’equinozio di settembre, passa a sud dell’equatore e si muove la verso la sua massima declinazione meridionale di 23°26’, al solstizio opposto, intorno al 22 dicembre, nei giorni del Sol Invictus e del Natale.

Solstizio Estate 20 o 21 giugno?

Covid 19 percentuali di sopravvivenza

Corona Virus solo i numeri

Anno bisestile 2020 anno Domini

29 febbraio giornata mondiale delle Malattie Rare

Equinozio di primavera 20 o 21 marzo?

Terra Piatta tutta la verità?

Sol Invictus la storia vera

Natale e le sue tradizioni

English version @ 
https://en.wikipedia.org/wiki/Equinox

Versio latina at
https://la.wikipedia.org/wiki/Aequinoctium

Photo by Luigi Viazzo with Samsung Galaxy SIII

Equinozio, solstizio e stagioni I moti della Terra rivoluzione e rotazione della Terra

Precedente San Gennaro commemorazione e miracoli Successivo Padre Pio 23 settembre e le stimmate